A maggio di quest’anno il commercio estero e l’export extra UE italiano hanno fatto segnare un +2,3% rispetto ad aprile, mese con un calendario sfavorevole.
L’incremento congiunturale delle vendite di Made in Italy verso i paesi Extra UE è esteso a quasi tutti i principali raggruppamenti di industrie; l’incremento maggiore dell’export è dato dal +4,3% dei beni intermedi e +4,0% dei beni di consumo non durevoli.

In forte aumento le nostre esportazioni,su base annua fanno segnare +13,9%, con picchi nei settori:
energia +39,0%;
beni strumentali +17,4%;
beni di consumo non durevoli +6,7%.

Di seguito alcuni dati sulle nazione dove l’ingremento delle nostre esportazioni è stato maggiore paragonato a maggio 2016:
Giappone +10,6%;
Cina +35,3%;
Turchia +2,5%;
Svizzera +7,3%;
paesi ASEAN +14,8% (Filippine, Indonesia, Malesia, Singapore, Thailandia, Brunei, Vietnam, Birmania, Laos, Cambogia e Timor Est);
USA +16,0%;
Russia +26,7%;
paesi MERCOSUR +38,2% (Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay, Venezuela, Bolivia, Cile, Colombia, Ecuador e Perù).

Per quanto riguarda le importazioni maggio ha fatto segnare un +4,3%; con un incremento congiunturale più ampio per i beni strumentali +15,2%), per i beni di consumo durevoli +10,0%; mentre minore ma sempre in positivo il dato dei beni di consumo non durevoli +2,3%.

Vuoi anche tu vendere all’estero?
Siamo specializzati nello sviluppare le vendite delle PMI italiane all’estero

Accetto il trattamento dei dati forniti ai sensi dell'art. 13 D. Lgs. 192/2003.
Informativa sulla privacy

SELES: Società inserita nell’elenco fornitori di servizi del MISE

logo-ministero-sviluppo-economico

Codice identificativo ID: VF_107