Dati alla mano le biciclette italiane vincono sui mercati mondiali presentandosi al top in Ue per valore produzione (1,3 miliardi) ed export (1,7 milioni vendute all’estero, +15,2% in un anno).

L’export italiano viaggia al ritmo di tre bici al minuto vendute all’estero durante lo scorso anno, confermando la qualità della produzione made in Italy, settore in cui operano 3.098 imprese con 7.741 addetti, di cui 2.062 imprese artigiane e 3.862 addetti.

Trentino Alto Adige, Emilia-Romagna e Veneto sono le regioni con la maggiore specializzazione dell’artigianato della filiera della bicicletta e le province a più alta vocazione sono Bolzano, Forlì-Cesena, Ravenna e Trento, Vicenza e Padova. Nel 2017 la demografia di impresa della filiera ritorna in territorio positivo (+1,1%) dopo la stazionarietà (-0,1%) del 2016.

Le bici made in Italy battono i competitors europei anche per il valore della produzione, pari a 1.263 milioni di euro, che supera quello della Germania (1.156 milioni), della Francia (458 milioni) e della Polonia (367 milioni).

Diverso il discorso per le e-bike. Nel 2017 le esportazioni sono pari a 14 milioni di euro (pari a 19.105 mezzi) e le importazioni a 73 milioni di euro (pari a 132.238 mezzi) con un saldo del commercio estero negativo di 58 milioni di euro (il terzo più contenuto dietro ai -124 milioni della Germania ed ai -84 milioni della Francia) e pari a 113.133 mezzi. Le e-bike rappresentano nel 2017 il 2,3% delle esportazioni (lontano dal 17,8% registrato per l’UE) e l’11,5% delle importazioni (inferiore al 13,8% in UE) del settore. L’Italia è l’undicesimo esportatore europeo ed il primo cliente è la Francia che assorbe il 42,9% delle vendite, seguita da Austria (11,3%) e Germania (9,7%); il nostro Paese è il quinto importatore europeo ed acquista principalmente da Germania (28,1% delle importazioni), Cina (24,7%) e Taiwan (22,9%).

L’economia delle biciclette made in Italy corre veloce per quanto riguarda il numero di imprese, aumentate del 5,4% negli ultimi 5 anni. E supera i competitor europei nella crescita delle esportazioni di bici complete e componentistica: nel 2017, hanno fatto registrare un balzo del 2,7%, a fronte del +1,6% della media Ue, totalizzando un valore di 600 milioni di euro, di cui 200 milioni per le biciclette complete e 400 milioni per la componentistica.

Tra i nostri migliori clienti vi sono il Giappone, dove l’export di bici italiane nel 2017 è aumentato del 24,2%, e la Francia (+14,7%).

Vuoi anche tu vendere all’estero?
Siamo specializzati nello sviluppare le vendite delle PMI italiane all’estero

dichiaro di aver letto e compreso l’informativa https://www.seles.biz/privacy/ e fornisco il consenso al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 – GDPR e altre normative vigenti