L’export salumi italiani ha chiuso il 2017 con 1,5 mld di Euro su un totale di 8 mld di Euro generati dalla produzione complessiva di carni trasformate, aumentando le esportazioni del +6,9% rispetto al 2016 e migliorando anche il consumo interno.

Questi dati emergono dall’incontro annuale di Assica tenutasi a Giugno 2018 a Milano, associazione industriali delle carni e dei salumi aderente a Confindustria.

Al primo posto tra i salumi più venduti c’è il prosciutto cotto (nelle sue varie declinazioni) col 26,5%, seguono il prosciutto crudo 21,9%, mortadella e wurstel col 19,2%, dati risultanti da una ricerca Ismea per Assica.

I consumatori sia nazionali che internazionali, sono sempre più attenti all’italianità del prodotto acquistato, infatti anche nelle confezioni ci sono sempre più informazioni legate alla tracciabilità assieme alle varie diciture “Prodotto in Italia” o similari.

180 sono le aziende associate ad Assica, le quali generano l’80% del fatturato industriale della produzione di carni trasformate, in questo 2018 si è capito di continuare a investire nell’export e nell’internazionalizzazione per migliorare i propri profitti, guadagnando anche maggiori fette di mercato e/o nuovi mercati in crescita.

Vuoi anche tu vendere all’estero?
Siamo specializzati nello sviluppare le vendite delle PMI italiane all’estero

dichiaro di aver letto e compreso l’informativa https://www.seles.biz/privacy/ e fornisco il consenso al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 – GDPR e altre normative vigenti

SELES: Società inserita nell’elenco fornitori di servizi del MISE

logo-ministero-sviluppo-economico

Codice identificativo ID: VF_107